Surly Straggler

20160603_163205

Ecco a voi la Straggler, uno dei modelli Surly che ci piace di più, cerchiamo di capire insieme perchè.Surly fa solo bici in acciaio e questa è la costante di un’azienda differente da tutte le altre, perché  produce biciclette pensate per accompagnarvi per molti anni.
Le Surly infatti non si cambiano ma si fanno evolvere per adattarle agli usi più diversi e non a caso sono le biciclette più utilizzate dai meccanici di biciclette negli USA.

20160603_163308
La geometria della Straggler è una via di mezzo tra lo stradale e il gravel, con un particolare importante: i forcellini orizzontali permettono di variare la lunghezza carro così da renderla più stabile o più agile oppure di tendere la catena per uso singlespeed.
Rispetto alle ‘gravel’ è meno specifica, con tubo sterzo più corto e carro più lungo, timbro tipico di tutte le Surly.
Nella Straggler c’è molto altro oltre alle misure: c’è la sua versatilità. Per ottenere un assetto più gravel è bastato montare l’attacco manubrio verso l’alto e la posizione del Salsa Cowbell si è rivelata comodissima sulle lunghe distanze e con un buon controllo nelle discese, anche tecniche e in fuoristrada. Abbiamo completato il montaggio con un gruppo 1 x 11 Sram Rival, con corona da 42 e pacco pignoni 11-32 con freni idraulici e dischi da 160 mm, perfetti per affrontare le lunghe discese di montagna. Da non dimenticare che può essere dotata contemporaneamente di parafanghi e portapacchi sia anteriore che posteriore.

20160716_134029
Le ruote sono American Classic 420 disc Tubeless, in alluminio a profilo medio con ottima scorrevolezza e molto rigide, anche se non leggerissime.
Le gomme utilizzate, entrambe Challenge, sono le ‘Strade Bianche’ da 33 per i percorsi prevalentemente asfaltati e gravel leggero, e le ‘Gravel Grinder’ da 38 per il gravel più impegnativo pur conservando comunque una scorrevolezza decente.
Entrambe le gomme, morbide e con ottimo grip,  hanno ben assorbito insieme al telaio le buche e le imperfezioni dell’asfalto, tipiche delle strade secondarie.

dscn0966
Il test è in corso da un paio di mesi ma non è ancora finito. Abbiamo incluso uscite da oltre 200 km da 10-12 ore, molto gravel e uscite di gruppo su strada sia brevi che lunghe dove l’abbiamo confrontata con altre biciclette.
In salita non è una bicicletta veloce, ma con le ruote American Classic ha un ottimo comportamento dinamico e non si percepisce troppo il peso in più rispetto alla classica bici da corsa. La rapportatura scelta se usata a pieno carico è lunga e richiedere almeno una cassetta con ultimo rapporto da 36 o 42 più per adattarla alle salite alpine più lunghe.
Abbiamo anche testato diversi assetti bikepacking, dal pieno carico con 3 borse ad una borsa sola. Da poco è stata presentata una frame bag specifica per questo telaio, realizzata in collaborazione con Revelate: https://www.youtube.com/watch?v=qhxLrKmvCg4
La Straggler è una bicicletta comoda, adatta a lunghe pedalate su asfalto o su sterrato, sia in assetto ‘scarico’ che  bikepacking o con un portapacchi e borse laterali. Ottimo l’assetto neutro e stabile, anche su fondi ghiaiosi o asfalto molto rotto.

20160724_092443
Confrontandola con una road bike in carbonio sulla stessa salita, (circa 1000 metri di dislivello su una distanza di 14 chilometri) pur senza dare la sensazione di essere troppo pesante ha impiegato 4 minuti in più a scollinare, complici probabilmente anche le gomme di grande sezione. Il distacco è stato sorprendentemente annullato sul versante in discesa, dove la sicurezza trasferita dalla generosa sezione dei pneumatici ha permesso di sfruttare al meglio la potente frenata dei dischi idraulici ‘riacciuffando’ la specialissima in carbonio e chiudendo con un insignificante distacco di una manciata di secondi!

20160724_092340
Mentre in salita si fatica un poco di più in discesa la Straggler è una vera bomba, stabilissima e precisa, che assorbe canali di scolo, buche o zone di ghiaia con sicurezza.
Rispetto ad uno dei riferimenti Gravel, la più raffinata Salsa Warbird, alla Straggler mancano geometria e struttura specifica per il gravel quindi assetto e assorbimento sono inferiori.

dscn1184
In compenso sfoggia una solidità e una stabilità superiore soprattutto nelle discese veloci dove non entra mai in crisi.
Concludiamo dicendovi che la Straggler è a parer nostro una delle migliori bici per chi vuole fare tutto con una bici sola. Si esce ovviamente dal concetto di solo ciclismo ‘tradizionale’ per coprire anche il viaggio o il semplice commuting casa/lavoro, così’ come la gara di ciclocross tra amici e l’epica uscita su sterrato a mangiar polvere in buona compagnia. Nel caso in cui nel vostro garage ci fosse posto per una bici sola questa è molto probabilmente la soluzione ideale per non trovarsi mai con un mezzo inadatto, qualunque cosa ci si aspetti da una bici con ruote 700C.

dscn0968